Ero andata al supermercato e, con tutte le buone intenzioni del caso, avevo comperato delle pere perchè si sa, la frutta fa bene! Poi però le pere sono state ignorate a lungo all’ora della merenda fino a che non mi sono decisa a trasformarle in qualcosa di più gustoso!

Quasi per una scoperta casuale nasce questo dolcetto che, vi assicuro, è qualcosa di sublime! Da provare…

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Per circa otto porzioni
Per la base al Cioccolato:
3 vasetti di farina
2 vasetti di zucchero
1 vasetto di yogurt
1 vasetto di olio di semi
1 uovo
Cacao
Lievito

Per la mousse di pere:
Due pere mature
200 g di panna da montare
40 g di zucchero
Due fogli di gelatina alimentare
2 cucchiai di rhum o brandy

Per la base al cioccolato:

Mettere tutti gli ingredienti in una terrina e frullare il composto finchè non sarà omogeneo. Dividerlo in otto monoporzioni* e cuocere in forno caldo a 180ºC per circa 20 minuti.

Per la mousse di pere:

Lasciar ammorbidire in acqua tiepida la gelatina. Nel frattempo mettere sul fuoco una casseruola con le pere tagliate a pezzetti, il rhum e lo zucchero e far cuocere per circa mezz’ora fino a che le pere non saranno morbide.
Schiacciate le pere cotte (o frullatele) in modo da avere un composto omogeneo ed aggiungetevi, mentre sono ancora calde, la gelatina strizzata. Lasciar intiepidire.

Montare la panna ed amalgamarla con il composto alle pere (a temperatura ambiente).

Montare le coppette. Iniziare con la base di cioccolato che va bagnata con un cucchiaio di Rhum. Aggiungere poi uno o due cucchiai di mousse alle pere.

Lasciar riposare in frigorifero almeno 5 ore prima di servire.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Note:

*Io ho cotto le basi nelle medesime cocotte che ho poi usato per presentare il dolce. Le ho ricoperte con carta da forno in modo che mi fosse poi possibile estrarre le basi per livellarle togliendo la “cupoletta” centrale.